web counter
ads

Settimana mondiale per l'allattamento al seno: arriva il decalogo del SIN

settimana-mondiale-lallattamento-al-seno-arriva-il-decalogo-del-sin
 
Dal 1 al 7 ottobre prenderà il via la settimana Mondiale per l'allattamento al seno. In occasione di tale ricorrenza la Società italiana di Neonatologia (SIN) ha redatto un decalogo sul tema. Da una recente ricerca è emerso che solo il 10% delle mamme continua ad allattare oltre il sesto mese di vita del bambino. Eppure i benefici dell'allattamento sono numerosi sia dal punto di vista dei bebè che delle mamme. I neonati registrano un rischio minore di contrarre infezioni intestinali ed asma. Le mamme sono in grado di prevenire con maggior facilità il cancro al seno e la depressione. Ecco di seguito i punti salienti previsti dal decalogo: - Informarsi: è fondamentale documentarsi sui benefici prodotti dall' allattamento al fine di riuscire ad allattare in maniera consapevole, chiarendo preventivamente i numerosi falsi miti legati a questo tema. - Il contatto tra madre e bebè: è importante che il primo allattamento avvenga nelle primissime ore di vita. Deve inoltre essere individuata la posizione più confortevole, come la cosiddetta posizione da pallone da rugby che prevede una presa sotto braccio. - Sarebbe ideale riuscire ad allattare su precisa richiesta del neonato senza far caso al numero ed alla durata della poppata. Bisognerebbe captarne la fame ancor prima che il piccolo inizi a piangere. Il ricorso al latte artificiale dovrebbe essere integrativo ed attuato solo in situazioni in cui il bambino sia effettivamente sotto peso o se la madre non riuscisse a sopperire autonomamente al fabbisogno del bebè. - E' assolutamente sconsigliato l'utilizzo del ciuccio che deve essere usato solo nei casi in cui non sia possibile allattare. - Ricorrere totalmente al latte artificiale solo in casi di estrema necessità. In alternativa si può ricorrere alle Banche del latte umano. - Per quanto concerne l'alimentazione della madre durante l'allattamento, non sono previste diete specifiche ma non bisogna mangiare eccessivamente. In media basta assumere 500 calorie in più del normale per sopperire al fabbisogno energetico giornaliero necessario. - Da evitare in assoluto l'interruzione brusca e prolungata dell'allattamento. In caso di problematiche, come ad esempio una lesione sul capezzolo, è possibile nutrire il neonato con latte materno estratto.
 
 
 
 

Guarda anche


celiachia-nei-pi-piccoli-sintomi-e-rimedi
Celiachia nei più piccoli: sintomi e rimedi

L’intolleranza permanente al glutine, ovvero la celiachia, costituisce per i...

bambini-e-sonno-ecco-quanto-devono-dormire
Bambini e sonno: ecco quanto devono dormire

La gestione del sonno nei bambini spesso può essere un vero e proprio problema...