web counter
ads

Carenza di vitamina D: quali sono i sintomi?

carenza-di-vitamina-d-quali-sono-i-sintomi
 

La vitamina D, conosciuta anche come vitamina del sole, è fondamentale per il nostro organismo. Spesso viene considerata benefica solo per quel che riguarda le ossa, ma recenti studi hanno dimostrato che possiede proprietà utili anche per il cuore ed il cervello.

Il corpo umano si rifornisce di vitamina D principalmente attraverso l'esposizione ai raggi solari. L'ideale sarebbe, quindi, esporsi 15-20 minuti al giorno alla luce solare, con le dovute precauzioni, per far sì che il nostro organismo abbia sempre la giusta dose di vitamina D.

Talvolta l'esposizione ai raggi solari non è sufficiente, perché ad esempio lavoriamo tutto il giorno al chiuso, viviamo in un posto poco soleggiato, ecc. In questo caso, è possibile integrare l'assunzione di vitamina D con degli specifici alimenti, ad esempio l'olio di fegato di merluzzo o con degli integratori alimentari.

A parte la scarsa esposizione ai raggi solari, la carenza di vitamina D può avere anche altre cause:
- la pelle scura;
- un eccessivo uso di creme solari;
- un insufficiente apporto alimentare;
- un aumento del fabbisogno di vitamina D;
- problemi di assorbimento intestinale;
- la presenza di malattie epatiche o malattie renali, in quanto ricordiamo che è vero che la vitamina D viene assorbita dalla cute, ma viene metabolizzata dal fegato e dai reni;
- alcune terapie a base di farmaci che possono contrastare con il metabolismo dalla vitamina D.

Quando si ha una carenza di vitamina D il nostro organismo ci manda dei segnali, ecco quali sono.

Dolori articolari: il ruolo principale della vitamina D è quello di favorire l'assorbimento di calcio e fosfato, fondamentali per la salute di articolazioni, denti, muscolatura ed ossa. Le persone che hanno mancanza di questa vitamina sono più soggette a soffrire di dolori alle articolazioni, fragilità alle ossa e a sviluppare l'osteoporosi.

Debolezza muscolare: la vitamina D svolge un ruolo fondamentale per quel che riguarda la muscolatura, in quanto assicura la capacità di contrarre i muscoli e agevolarne così i movimenti e dare equilibrio.

Depressione stagionale: la vitamina D mantiene nella norma i livelli di serotonina, il cosiddetto ormone della felicità, che interferisce con l'umore, la fame ed il sonno. Durante l'inverno, quando la quantità di luce diminuisce, i livelli di vitamina D possono calare e di conseguenza cala anche la serotonina, ecco perché è proprio in questo periodo che si può soffrire di depressione. Al momento, però, si tratta solo di una teoria.

Stanchezza cronica: la vitamina D aiuta nel trasformare il cibo in energia. Quando i livelli di questa vitamina sono troppo bassi, il processo non avviene e così si può soffrire di stanchezza cronica.

Insorgenza di alcune malattie: la vitamina D contribuisce anche al rafforzamento del sistema immunitario. Se il sistema immunitario è indebolito, è più semplice contrarre malattie infettive, come l'influenza.


 
 
 
 

Guarda anche


curare-la-psoriasi-con-l-acqua-alle-terme-di-comano--possibile
Curare la psoriasi con l'acqua? Alle Terme di Comano è...

Se siete afflitti dalla psoriasi e siete alla ricerca di un rimedio efficace,...

mangiare-bene-per-dormire-meglio
Mangiare bene per dormire meglio

Almeno un italiano su 3 ha disturbi del sonno!È noto che fattori emotivi e...