web counter
ads

Sclerosi multipla: arrivato il farmaco per le forme più gravi

sclerosi-multipla-arrivato-il-farmaco-per-le-forme-pi-gravi
 

Secondo gli ultimi dati, sembra che ogni 3 minuti venga diagnosticato un nuovo caso di sclerosi multipla, la malattia neurogenerativa che provoca la perdita di mielina in più aree del sistema nervoso e che impedisce il trasporto dell'impulso nervoso attraverso gli assoni.
I più colpiti sono i giovani tra 20 e 40 anni, con un numero di donne doppio rispetto a quello degli uomini.

Grazie alla continua ricerca è stato sviluppato un nuovo farmaco molto potente in grado di contrastare la distruzione della sostanza lipidica che prende il nome di mielina, meccanismo fondamentale della malattia, sia negli stadi iniziali che quando la patologia ha raggiunto una gravità elevata.

Questo farmaco, approvato lo scorso mese dall’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco), prende il nome di ocrelizumab (nome commerciale: Ocrevus) e agisce sia contro la sclerosi multipla recidivante che contro la forma primariamente progressiva.

Come si apprende dal sito dell'Agenzia europea per i medicinali (EMA), le modalità di azione del farmaco non sono ancora del tutto chiarite, ma le evidenze mostrano che il principio attivo in esso contenuto attacca e degrada alcuni linfociti B, ovvero quelli che sono dotati del recettore CD20. Queste cellule del sistema immunitario, infatti, a causa della malattia cominciano a distruggere la mielina.

Il risultato, dunque, è che si combattono i sintomi sin dalle prime fasi, in maniera del tutto sicura e senza la comparsa di effetti collaterali. Oltretutto, il farmaco viene somministrato per via endovenosa ogni 6 mesi, in due dosi da 300 mg (a distanza di due settimane l'una dall'altra), senza che siano necessari tra le somministrazioni analisi di routine. Il tutto si traduce in una notevole semplificazione dell'iter da seguire per il paziente, soprattutto in relazione alla complessità del trattamento con altri farmaci.

In seguito all'approvazione da parte dell'AIFA, avvenuta in aprile 2018, il farmaco Ocrevus è stato reso disponibile al pubblico, pur non essendo ancora definita la sua rimborsabilità. Tuttavia, nel mese di settembre, il farmaco è stato inserito all'interno della classe di rimborsabilità H, nella quale rientrano i medicinali distribuiti a carico del Sistema Sanitario Nazionale nei presidi ospedalieri. Tuttavia, ora è compito delle singole regioni assicurare un'adeguata distribuzione del farmaco nelle singole strutture dell'azienda sanitaria locale. Questo aspetto, per l’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), è di vitale importanza al fine di garantire un’opportunità ai malati di sclerosi multipla presenti in tutta Italia.


 
 
 
 

Guarda anche


sclerosi-multipla-arrivato-il-farmaco-per-le-forme-pi-gravi
Sclerosi multipla: arrivato il farmaco per le forme più...

Secondo gli ultimi dati, sembra che ogni 3 minuti venga diagnosticato un nuovo...

aumenta-l-incidenza-del-linfedema-cos--e-come-si-cura
Aumenta l'incidenza del linfedema. Cos'è e come si cura

Il linfedema è una patologia il cui segno distintivo è il rigonfiamento...