web counter
ads

Il vademecum salva-sorriso in vacanza

il-vademecum-salva-sorriso-in-vacanza
 

Tempo di vacanze, mare, montagna e tempo di scottature, congestioni, meduse. L’imprevisto è dietro l’angolo anche per la salute della bocca: un dente che si scheggia, un’otturazione che fa male o una corona che si stacca. Prevenire è meglio che curare.

Così, gli esperti dell’AIOP"Accademia Italiana di Odontoiatria Protesica", hanno messo a punto un vademecum per allontanare il rischio di inconvenienti e mantenere intatta la salute dei denti durante le meritate ferie estive indicando anche cosa fare in caso di emergenza. Ecco i 10 "comandamenti" per sorridere tutta l’estate.

Secondo Paolo Vigolo, presidente AIOP, giocare d’anticipo è un’ottima mossa: 

"Questo comportamento prudenziale è indicato per quelle persone che hanno una dentatura delicata sulla quale sono già state eseguite cure di una certa importanza. Senza dimenticare che lesioni dentali silenti sono frequenti anche in bocche sane". 

Dunque, prima di fare le valigie effettuate una visita di controllo dal dentista.

Controlli preventivi, almeno 15 giorni prima della partenza, anche per chi utilizza protesi mobili quali dentiere o apparecchi per l’ortodonzia. Ci possono essere fratture iniziali in grado di peggiorare. Al controllo è opportuno abbinare una seduta di igiene orale per eliminare residui, placca e tartaro, prima causa di gengive infiammate e infezioni del tessuto a sostegno dei denti

Chi ha in programma di prendere un aereo o fare immersioni subacquee deve verificare lo stato di vecchie otturazioni. Se l’otturazione dovesse comunque saltare è necessario non consumare bevande o cibi troppo freddi e mantenere il moncone pulito. Per ridurre il dolore, causato dal contatto con i cibi, si può mettere un batuffolo di cotone (da cambiare con frequenza) nella cavità scoperta. 
Se prima della partenza si è subito un piccolo intervento chirurgico in bocca (un’estrazione o un impianto) bisogna evitare l’esposizione al sole nei primi giorni. Questo perché il calore causa vasodilatazione e di conseguenza gonfiore. 

Chi ha corone con un fissaggio provvisorio o protesi vecchie farebbe bene a comprare in farmacia e mettere in valigia un kit di fissaggio. Il dottor Vigolo precisa: 

"In caso di distacco accidentale di una corona o di un ponte questi kit consentono di risolvere l’inconveniente con buona sicurezza, in attesa di potersi recare da un dentista. Prima, però, è necessario pulire bene i denti dai residui del vecchio cemento o di cibo e asciugare accuratamente con una garza, per ridurre al minimo l'umidità che diminuirebbe l'effetto adesivo del nuovo cemento"

Chi è portatore di protesi fisse o rimovibili ancorate ad impianti osseointegrati, deve portare con sé il "passaporto implantare" in modo da agevolare il lavoro del dentista d’emergenza. 
In caso di ascesso, si può calmare il dolore applicando ghiaccio sulla guancia oppure bevendo acqua molto fredda. Al contrario, niente bevande e cibi freddi se si è spezzato un dente. Il pezzo saltato deve essere conservato in un piccolo contenitore (ad esempio un porta lenti a contatto) con latte o acqua e sale. Il dentista va contattato subito. 

Chiedete al medico di fiducia i farmaci da utilizzare in caso di mal di denti ricordando che antiinfiammatori e antibiotici vanno presi a stomaco pieno. Se non avete medicinali specifici, potete assumere gli analgesici per mal di schiena o mal di testa.


 
 
 
 

Guarda anche


il-vademecum-salva-sorriso-in-vacanza
Il vademecum salva-sorriso in vacanza

Tempo di vacanze, mare, montagna e tempo di scottature, congestioni, meduse....

evitare-lenterite-8-regole-viaggiare-sicuri
Evitare l'enterite: 8 regole per viaggiare sicuri

L'enterite, chiamata la "diarrea del viaggiatore", è una malattia infettiva...