web counter
ads

Lutti improvvisi: rischio di disturbi psichiatrici per le persone colpite

lutti-improvvisi-rischio-di-disturbi-psichiatrici-le-persone-colpite
 
La morte di una persona cara è un evento che coglie impreparato chiunque, lasciando attorno un forte sgomento e senso di vuoto interiore. Quando si verifica in maniera del tutto inaspettata la sua portata traumatizzante può innescare una serie di disordini psichiatrici più o meno gravi. Ne è un esempio l'insorgenza di alcune forme di nevrosi anche in individui che non hanno alle spalle alcun trascorso di malattia mentale. Secondo la diffusa esperienza clinica queste manie si manifestano con sintomi somatici come l'iperattività afinalistica, l'autodistruzione, la forte agitazione psico-motoria. L'aspetto patologico in reazioni di questo genere si evince dall'apparente assenza di sofferenza che contraddistingue chi nega l'evento traumatico. Tra i vari disturbi psichiatrici sono da annoverare anche la depressione e i disturbi d'ansia, come gli attacchi di panico o il cosiddetto disturbo post-traumatico da stress, tipico di chi assiste alla morte inattesa e violenta di un congiunto. Alcuni disturbi depressivi diventano oggetto di attenzione clinica quando sfociano in propositi di suicidio perchè considerato come unico mezzo per potersi ricongiungere alla persona amata. Talvolta generano invece allucinazioni uditive persistenti che ben si differenziano dalla fuggevole sensazione di sentire la voce della persona deceduta. Il lutto e la depressione presentano caratteristiche similari come l'afflizione, l'inappetenza, la tendenza a sciogliersi in pianto, l'umore labile. Tuttavia nel lutto patologico l'individuo che ne è colpito alterna momenti in cui si sente sollevato a momenti di profondo sconforto. Un altro disturbo riconducibile al trauma è il senso di vergogna e di colpa che sopraggiunge quando si ritiene di non aver fatto abbastanza per evitare la morte improvvisa della persona cara, con conseguente convinzione per l'individuo di essere indegno. In presenza di questi stati patologici qualunque strategia consolatoria risulta inefficace. La perdita improvvisa di una persona amata non lascia spazio all'elaborazione del lutto e chi ne è colpito non ha il tempo di metabolizzare l'evento. Questo può scatenare ulteriori stati convulsivi che portano ad una propria identificazione con la persona scomparsa oppure al disconoscimento del dolore che porta a sentimenti di onnipotenza. A volte può diventare una vera e propria ossessione che comporta l'aumento delle inibizioni, la perdita di interesse per il mondo circostante e l'incapacità di curarsi di sé. Nei casi più gravi possono manifestarsi atteggiamenti deliranti come l'irragionevole attribuzione a terze persone delle cause che hanno cagionato la morte improvvisa. Oppure si vive nel convincimento che la persona deceduta viva in un altro luogo. Questi disturbi costituiscono delle emergenze mediche che richiedono interventi tempestivi e mirati, prima che diventino invalidanti.
 
 
 
 

Guarda anche


shopping-compulsivo-quali-sono-le-cause-e-come-curarlo
Shopping compulsivo: quali sono le cause e come curarlo

Da molti anni è in crescita il fenomeno dello shopping compulsivo, accentuato...

selfieaddicted-forse-hai-qualche-problema-psicologico
Selfie-addicted? Forse hai qualche problema psicologico

Il selfie, ormai tutti lo sanno, è la mania che da qualche anno a questa parte...