web counter
ads

Le nove regole d'oro per prevenire i tumori

le-nove-regole-d-oro-per-prevenire-i-tumori
 

Da sempre, la prevenzione gioca un ruolo fondamentale nella lotta ai tumori. Secondo l’Aiom (Associazione italiana di oncologia medica) circa il 50% delle patologie tumorali si può prevenire osservando i "comandamenti" della salute. In occasione della presentazione al Senato del rapporto sullo Stato dell’oncologia in Italia nel 2017, gli esperti dell’Aiom hanno diffuso le 9 regole in grado di evitare 146 mila nuovi casi all'anno.

Il no al fumo è assolutamente categorico: un terzo di tutti i tumori è dovuto al tabacco. Ogni anno, nel mondo, le sigarette uccidono 3 milioni di persone. Pericoloso anche il fumo passivo, soprattutto per i polmoni dei bambini.

Alcol e superalcolici vanno bevuti con grande parsimonia perché il loro abuso porta al cancro del cavo orale, dell’esofago, del fegato e dell’apparato gastrointestinale. In particolare a dover fare attenzione sono le donne: gli alcolici aumentano la percentuale di insorgenza di neoplasie alla mammella.

Al bando anche le lampade solari e l’esposizione precoce al sole (prima dei 30 anni) che innalza fino al 75% in più il rischio di sviluppare il melanoma. Inoltre chi ha molti nei è maggiormente predisposto al tumore della pelle e deve sottoporsi a controlli periodici secondo la nota "regola A-B-C-D-E" per la mappatura dei nei.

Vietate le sostanze dopanti: con il passare del tempo, gli steroidi aumentano le probabilità di cancro al fegato, ai reni e alla prostata.
Tra le norme per un corretto stile di vita, semaforo verde per la dieta mediterranea: seguire un regime alimentare ricco di frutta, verdura (preferibilmente crude), legumi e pesce protegge dai tumori grazie alle fibre, che aumentano la motilità intestinale, alle vitamine e agli antiossidanti.

Sì al controllo del peso perché i soggetti con un indice di massa corporea superiore al 40% rispetto a quello consigliato sono maggiormente esposti al cancro del colon-retto, dell’utero e della cistifellea.

Sì all’attività fisica: chi non pratica sport ha tra il 20 e il 40% in più di rischio di ammalarsi. L'ottava regola è l’uso del preservativo come protezione dalle malattie trasmesse per via sessuale. Epatite o Papilloma Virus sono infezioni che possono causare neoplasie, ma il condom indossato per tutta la durata del rapporto riduce del 15-20% questi tumori.

L’ultima buona norma da seguire è lo screening regolare. Una diagnosi precoce offre due vantaggi: la possibilità di ricorrere a terapie efficaci e meno aggressive e aumentare la percentuale di una guarigione totale. Il Servizio Sanitario italiano consente di eseguire gratis alcuni importanti controlli diagnostici strumentali. La mammografia per le donne tra i 50 e i 69 anni (ogni 24 mesi), il pap-test per le donne tra i 25 e i 64 anni (ogni 3 anni) e la ricerca del sangue occulto nelle feci per uomini e donne tra i 50 e i 69 anni (ogni 2 anni).


 
 
 
 

Guarda anche


tingere-i-capelli-mai-superare-le-sei-volte-l-anno-possibile-rischio-di-cancro-al-seno
Tingere i capelli: mai superare le sei volte l'anno,...

La notizia che ha allarmato milioni di donne nel mondo è di pochi giorni fa e...

quando-chiamare-il-118-una-campagna-di-sensibilizzazione
Quando chiamare il 118: una campagna di sensibilizzazione

Il 118 è il numero d'emergenza italiano per chiamare il Pronto Soccorso....