web counter
ads

Vaccinazioni obbligatorie: ecco il nuovo calendario completo

vaccinazioni-obbligatorie-ecco-il-nuovo-calendario-completo
 

A seguito del via libera del Consiglio dei Ministri al decreto legge del 19 maggio in merito all'obbligatorietà dei vaccini nelle scuole, è in arrivo una piccola rivoluzione. Infatti, dopo che sono state rese note le dodici immunizzazioni previste per altrettante malattie infettive, la norma entrerà in vigore da settembre (alla riapertura dell'anno scolastico) ed è stato diffuso il calendario con le nuove scadenze da rispettare.

"Abbiamo deciso di aumentare la copertura vaccinale in tutto l'arco della vita dei nostri figli per mettere al sicuro la popolazione" ha spiegato Beatrice Lorenzin, Ministro della Salute, aggiungendo che "sono state introdotte delle sanzioni ancora più stringenti laddove vi siano delle mancanze da parte dei genitori o degli istituti".

FASCE D'ETÀ E SANZIONI - Il decreto approvato dal governo Gentiloni ha aumentato innanzitutto da quattro a dodici il numero delle vaccinazioni per l'infanzia (per un totale di quattro punture), rendendole obbligatorie per la fascia d'età che va da 0 a 6 anni: in caso contrario, il bambino non sarà ammesso all'asilo nido o alla scuola materna.

Per quanto riguarda la fascia compresa tra 6 e 16 anni, l'accesso a scuola non verrà interdetto, ma sarà compito del dirigente scolastico segnalare le anomalie all'ASL competente: la nuova legge prevede, nei casi di mancanze reiterate, delle multe da 500 fino a 7500 euro e, nelle situazioni più gravi, anche la sospensione della potestà genitoriale.

IL NUOVO CALENDARIO - A proposito del nuovo calendario, Rocco Russo (responsabile dell'Area Vaccini per la Società Italiana di Pediatria) ha spiegato che il Ministero della Salute ha effettuato una selezione delle dodici malattie infettive per evitare il diffondersi di pericolose epidemie, illustrando anche le tempistiche alle quali i genitori dovranno attenersi.

"Le iniezioni da fare saranno soltanto quattro, dal momento che alcuni vaccini verranno somministrati in maniera combinata"

ha precisato Russo: nella cosiddetta esavalente (da effettuare a partire dal sessantesimo giorno di vita e in tre dosi) è compresa la vaccinazione anti-tetanica, anti-difterica, anti-pertosse, anti-poliomielitica, anti-Haemophilus influenzae tipo B e anti-epatite B.

Una delle novità riguarda anche l'obbligatorietà della vaccinazione anti-meningococco B, da fare a quindici giorni di distanza dall'esavalente di cui sopra (in quattro dosi ed entro i primi quindici mesi).

LE PERCENTUALI DI COPERTURA - Le altre immunizzazioni obbligatorie riguardano rosolia, morbillo, varicella e parotite, per un unico vaccino quadrivalente che va somministrato a partire dal tredicesimo mese di vita e poi a intervalli di cinque anni; l'anti-meningococco di tipo C è invece prevista al quattordicesimo mese e con un "richiamo" compreso tra gli 11 e i 18 anni.

"L'obiettivo di questo nuovo Piano Nazionale di Prevenzione per il 2017-2019 è quello di garantire una migliore qualità della vita ai bimbi: infatti, le complicanze derivanti dalle suddette patologie sono ben più gravi delle eventuali reazioni al vaccino"

ha aggiunto Russo, ricordando che, in passato, sono state riscontrate delle basse percentuali di copertura. Ad esempio, per l'esavalente si parla del 93,4%, inferiore alla soglia fissata per legge (95%), mentre il dato diventa preoccupante per quanto concerne il meningococco di tipo C (76%) e per malattie quali morbillo, rosolia, parotite e varicella: "In quest'ultimo caso esiste un problema, dato che il trend degli ultimi anni si aggira attorno all'85%" ha concluso il responsabile dell'Area Vaccini.


 
 
 
 

Guarda anche


energy-drink-attenzione-ai-rischi
Energy drink: attenzione ai rischi

Il caldo non dà tregua? Niente di meglio che rinfrescarsi con una bevanda...

come-affrontare-la-psoriasi-in-estate
Come affrontare la psoriasi in estate

L’estate è ormai alle porte e per chi soffre di psoriasi questa stagione...