web counter
ads

Nanotecnologie: un test unico per scoprire oltre 240 allergie

nanotecnologie-un-test-unico-per-scoprire-oltre-240-allergie
 

La notizia può essere di quelle che segnano la svolta. Negli ultimi anni numerosi sono i progressi che la ricerca ha fatto nell'ambito medico associato alle nanotecnologie. Quanto appena scoperto però sembra che potrà rilevarsi particolarmente utile e di grande rilevanza.

Una squadra di ricerca condotta dalla Dottoressa Maria Antonietta Ciardiello dell'Istituto di Ricerca bioscientifico e di ricerche biologiche Nazionale di Napoli ha infatti dato vita al progetto "Faber". Attraverso questo metodo il team sarebbe riuscito, in un unico test, a verificare la sensibilità a ben più di 240 sostanze che causano comunemente allergia.

In ambito scientifico la notizia ha suscitato non poco interesse. Basti pensare che il marchio è già stato registrato presso l'Unione Europea e l'argomento è costante centro di dibattiti e convegni.
Il progetto ha visto il prezioso aiuto di centri di ricerca e aziende farmaceutiche multinazionali di prima fascia. Tra questi si segnalano i Centri di allergologia di natura molecolare e l'azienda austriaca Macroaaray Dx.
Il progetto Faber è stato sviluppato grazie alle nuove nanotecnologie. Il principio prevede che piccoli supporti grazie a legami chimici attaccano e rilevano la presenza di sostanze allergeniche nell'individuo sottoposto all'esame. Si parla in tutto di 244 supporti ciascuno dei quali con fonti allergeniche di natura differente raccolti in un solo test in siero che ne permette l'analisi contemporanea.
Il paziente inoltre potrà ricevere i risultati online attraverso una cartella clinica elettronica e personale attraverso la quale potrà avere uno screen completo del suo test allergologico.

Grazie a questa inoltre l'interpretazione e il significato di ciascun valore potrà essere aggiornato in tempo reale basandosi sulle nuove scoperte in ambito scientifico. Il questi casi il paziente verrà prontamente informato tramite mail.
Ulteriore punto a favore di questo nuovo test è che non necessita di essere a digiuno per ottenere risultati veritieri. Inoltre il referto non verrà minimamente influenzato dall'assunzione di farmaci di qualsiasi natura, neanche da quelli che hanno come scopo quello di combattere le allergie stesse. L'esecuzione richiede circa 4 ore e i risultati vengono comunicati e inviati nell'immediato.


 
 
 
 

Guarda anche


un-cerotto-contro-l-influenza
Un cerotto contro l'influenza

La somministrazione del vaccino anti-influenzale sta per essere rivoluzionata...

la-nonna-fuma-il-nascituro--a-rischio-autismo
La nonna fuma? Il nascituro è a rischio autismo

Esiste una correlazione tra autismo e fumo. Uno studio dell’ALSPAC (Avon...